Scelleratissimevolmente

“Scellerato” è il termine usato da Rossi per descrivere le opere sulla mobilità operate e già finanziate in Zanica.

Scellerato, ovvero colpevole di un delitto esecrando o capace delle più disumane crudeltà; malvagio, empio.

“Minchia, signor tenente”, direbbe Faletti.

Piano con le parole, amico!

Evidentemente Rossi sta giocando con  parole che non conosce bene e con  una  immaginaria bolla di neve; la capovolge e siamo nell’immobilismo, la rigira e siamo nel troppo decisionismo. Boh!

MV5BYzhmOTEzZTctMmM3Yi00NDJkLWJiMDctM2Q1Zjg5YzEzMjAxXkEyXkFqcGdeQXVyNzU1NzE3NTg@._V1_CR0,45,480,270_AL_UX477_CR0,0,477,268_AL_Se abbiamo capito bene, l’ideale per lui sarebbe -ora- lasciare tutto come è. Adesso che molto è cambiato è anche molto facile.

Ma se toccava a Rossi amministrare in questi ultimi 5 anni cosa avremmo visto e fatto, dato che per 5 anni anni non ha mai, mai , mai detto o fatto nulla?

Mentre noi abbiamo finalmente messo in sicurezza diverse zone, lui non si è degnato di impegnarsi a scrivere  neanche una interrogazione, tanto per dire.

Adesso siamo allo “Scelleratissimevolmente”.

Nuove/vecchie  aspiranti Mary Poppins si presentano adesso e solo adesso a casa nostra con il loro volantino, per volare in alto con il loro ombrellino.

 

Lascia un Commento