Anziani: un cantiere aperto

Chi si ricorda il  piano per la popolazione anziana per il Comune di Zanica commissionato a Synergia?

Sembrava un semplice report, una fotografia di gruppo della condizione anziana, e invece l’obiettivo – dichiarato – era quello di arrivare a formulare proposte concrete che si aggiungessero  a quelle già presenti.

Eccole. Sono sotto gli occhi di tutti:

  • il potenziamento della residenzialità leggera nelle sue varie forme, mediante il potenziamento dei servizi semi-residenziali come il Centro Diurno Integrato, che gode oggi di una copertura dei posti altissima rispetto al passato.
  • la  promozione attività culturali ad hoc sono ormai state lanciate in spazi specificatamente destinati, all’interno del centro Don Milani.
  • la riqualificazione di 8 appartamenti presso la casa Anziani da destinare proprio agli anziani a cui si accede  attraverso un bando e in cui  l’assegnazione  avverrà attraverso criteri fissati da un regolamento  che valuta le condizioni soggettive, le condizioni abitative e le condizioni economiche dei richiedenti. ( qui trovi i parametri)

A questi anziani e agli altri già residenti  viene inoltre  offerta una nuova  figura professionale , quella del custode sociale. Le sue funzioni specifiche sono:

  • rileva i problemi delle persone in stato di bisogno a causa di solitudine, condizione di salute, ricercando le risposte piu` adeguate
  • organizza momenti di socializzazione e attività;
  • supporta persone in situazione di particolare fragilità nello svolgimento di attività quotidiane, per esempio piccole commissioni, accompagnamenti ai servizi socio sanitari;
  • orienta e informa nel contatto e nel collegamento con i servizi socio sanitari

Guardando la foto si dirà che è tutto un cantiere.

In realtà, quella che si vede alla casa anziani è la parte terminale di questo percorso ormai compiuto.20190126_111206 (1)