Supercazzole con scappellamento a scelta.

L’avvicinarsi delle elezioni amministrative pone il Tasso  e tutti coloro che pensano di potere dare il proprio contributo alla vita amministrativa del paese nella normale e reciproca condizione di ascolto.

E’ normale trovarsi per un confronto, per capire le diversità e le affinità, per capire se si possa lavorare insieme.

Per poterlo fare esistono delle condizioni: abbiamo dichiarato  in un documento ( vedi l’ultima pagina)  alcune linee guida che consideriamo irrinunciabili del nostro agire.

Avevamo scritto in quel documento :“ chiunque si riconosca in queste linee e abbia apprezzato il lavoro svolto da chi ha governato in questi anni, chi pensa di poter dare il proprio contributo, sarà ben accetto al fine di lavorare insieme per il bene del paese”.

Ascoltiamo e ascolteremo tutti, uomini e donne di buona volontà, associazioni e movimenti.

Potremmo chiudere qui, e invece sentiamo parlare di alleanze, patti di non belligeranza o altro ancora;  coalizioni  così complicate che neanche il più dotato di fantasia politica sarebbe capace di immaginare.

Pezzi di destra, pezzi di sinistra, pezzi di M5S messi a casaccio, senza una linea, senza un pensiero: come se le elezioni fossero un semplice gioco di assemblaggio, di vuoto a vincere,  dimenticando che poi bisogna governare tutti insieme, possibilmente per cinque anni.

Non ci vendiamo al migliore offerente e non consideriamo nessuno (fino a prova del contrario) come  soggetto che si offre al libero mercato di scambio.

Conta la voglia di lavorare senza preconcetti e all’interno di quei  principi, di quelle linee guida che abbiamo  già espresso.

Chi  racconta altre storie lo fa per scopi a noi sconosciuti: sono supercazzole da “amici miei” raccontate al bar che ascoltiamo sempre divertiti, sinceramente ammirati  per la fantasia di questi dott. Frankenstein della politica locale.
1JdVGH8qqXg.maxresdefault-U431301008320040UTB-U43220325035154tAH-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Se ci saranno novità serie sarete i primi a saperlo.

Post navigation

Lascia un Commento