Chi semina vento raccoglie firme

carte3webMassimo rispetto per chi firma la proposta di sperimentazione su via Libertà.
Comprendiamo  la paura del cambiamento.

Quello che riteniamo giusto fare – dopo – sarà capire le motivazioni del dissenso, capire se il progetto  è stato illustrato e quindi compreso nella sua interezza, capire se ai firmatari sia stato detto che un progetto definitivo non si butta nel cestino, così, perché sono state raccolte delle firme.

Il dovere di informazione è stato abbondantemente assolto nella fase precedente -tante riunioni, tante assemblee, alcuni consigli allargati- ma nulla ci esime dall’informare anche dopo, partendo dal fatto che la   “sperimentazione” del doppio senso che conosciamo da decenni è oggettivamente tempo e denaro perso.

Non per convincere, ci mancherebbe, non si vuole l’unanimità, e a volte le scelte possono non essere condivise da tutti.

Quello che intristisce è che chi raccoglie le firme sa,  o dovrebbe sapere, e dovrebbe dire ai cittadini, che la raccolta non servirà a nulla se non a fare altra confusione, a buttare in aria le carte senza farle vedere tutte;  ed è un tentativo inutile, la creazione di una illusione,  l’ ennesima trincea di una guerra che qualcuno ha dichiarato senza che ve ne fosse il motivo.

Lascia un Commento