Urbanistica. Ci-fà o ci-è?

zanicaMa è l’arte a fare il mercato o è il mercato a condizionare l’arte?

Premesso che salvo rari casi l’urbanistica non è arte, questa frase che risuona spesso alle mostre di arte contemporanea può consentire una riflessione anche sulle scelte che una Amministrazione deve prendere quando si parla di urbanistica.

Queste scelte possono, e a volte devono,  essere figlie e non  madri di un sistema, quello economico, che muta continuamente e con cui occorre fare i conti.

Ripercorriamo insieme alcuni passaggi espressi anche nella dichiarazione lasciata agli atti.

Il 29 settembre 2017 veniva adottata la  sesta Variante al Piano di Governo del Territorio.

Le finalità dichiarate in sede di consiglio erano però quelle di conservare alla zona di via Fermi la destinazione occupazionale, incentivando così anche le aziende a rimanere in loco e a non abbandonare l’area.

Il 4 ottobre la direzione aziendale Cifa, annunciava ai sindacati  la chiusura del sito di Zanica e il conseguente trasferimento della maggioranza dei lavoratori presso il sito di Senago e la restante parte presso la fabbrica di Castiglione delle Stiviere, a decorrere da giugno 2018.

In sede di nota a mezzo stampa avevamo avuto modo di lamentare che  quanto avvenuto fosse  irrispettoso nei confronti di questa Amministrazione che si era prodigata a trasformare il Piano di Governo del territorio (PGT) proprio per garantire l’occupazione delle realtà industriali presenti nel comparto di Via Fermi.

Era evidente che si apriva, peraltro, la partita, estremamente delicata, delle maestranze e in particolare dei dipendenti zanichesi ( circa 10 unità su 60 occupati). Una partita che si chiudeva formalmente con l’ accordo fra la carpenteria Cifa e le organizzazioni sindacali.

Restava sul tavolo la grande questione del riuso dei grandi spazi dismessi dopo essere stati per decenni parte integrante del panorama economico, urbano e sociale del nostro territorio.

Un tema che ci riporta oggi  al punto di partenza, cioè alla dichiarazione del 29 ottobre 2017 e alla grande scommessa finalmente possibile di una riqualificazione dell’area di grande interesse sul piano urbanistico, proprio per la sua vicinanza al centro storico.

Se la politica è l’arte del possibile, anche l’urbanistica non deve essere da meno.

Lascia un Commento