A quando i fatti?

4601643-cffcf3b069d20fbc61027676a1bbae46Da altre parti lo scoop è dato dalla notizia di  qualche politico  che si è fatto regalare, a sua insaputa, un immobile; o di altro che vive in affitto con poche decine di euro al mese in superattico di proprietà di  Ente Pubblico; o di un altro che si fa pagare l’affitto dal partito; o di incarichi  affidati per il  semplice fatto ( chiamatelo aiutino da casa!)  di essere compagni di partito; “scoop” talmente frequenti che non ci fai più nemmeno caso.

ecco, mentre da altre parti è così, a Zanica quello che si riesce a tirare insieme è un fatto diverso e contrario: nessuna regalia, nessun numero strano, semplici trattative tra privato e privato che assurgono a presunte e indimostrate irregolarità:

un imprenditore titolare di Farmacia ( dopo essersi aggiudicato –siamo ad aprile 2016- la concessione con regolare concorso pubblico ) cerca e trova affitto – solo a luglio 2016 – in un immobile che la Lega dichiara di proprietà di un consigliere.

E adesso facciamo così:  mi autodenuncio. Prima che qualcuno abbia l’ardire di farlo

Lo stesso imprenditore, che tiene famiglia al sud, cerca e trova affitto in un’abitazione – siamo ora a fine agosto 2016- che è stata resa disponibile all’affitto dal sottoscritto, il quale aveva dato disposizioni alcune settimane prima a un’agenzia immobiliare di reperire un potenziale acquirente/affittuario; il prezzo che chiedevo e che veniva considerato congruo era più alto di quello poi concesso al dottore.

Però ora, dopo questo inutile outing ( almeno per me), sfido pubblicamente la Lega a dimostrare con i fatti dove starebbero le presunte irregolarità!

Poiché chiedono se è tutto regolare, li invito pubblicamente a dimostrare quanto stanno cercando di insinuare in maniera subdola e con le mezze parole nei confronti del consigliere, e magari domani nei miei confronti.

Dove stanno le irregolarità? Lo dicano, lo dimostrino, altrimenti sono solo parole.

Locatelli Luigi

Sindaco di Zanica

 

 

3 comments for “A quando i fatti?

  1. mario bentivoglio
    28 ottobre 2016 at 16:19

    Fermo restando che alcune voci e insinuazioni non meritano alcun commento, e personalmente non voglio farlo, mi permetto solo di fare alcune considerazioni di carattere generale.
    Come egregiamente argomenti, un fatto è godere indebitamente e facendo leva su una situazione di potere di benefici, prebende, agevolazioni, ecc.ecc., un’altra cosa è mettere in atto un contratto perfettamente normato dal c.c. e addirittura redatto nel rispetto della normativa fiscale. Forse qualcuno, avendo poco da fare e non avendo valide argomentazioni di natura politica, trova gratificante, come unico sfogo e divertimento, spargere fango su persone per bene.
    Io seguirei il motto dantesco “non ti curar di loro ma guarda e passa”.

  2. maro
    28 ottobre 2016 at 17:21

    MI sembra chiaro che si tratta di un normale contratto ed il sindaco ha tutti i diritti per affittare come un qualunque cittadino…o no??
    Si tratta,di una provocazione tipicamente politica che mira a “destabilizzare” i nemici.
    Questo mi fa un po’ sorridere se dimentico per un attimo che puo’ essere una cosa seria.Quasi quasi non ci credo che stia succedendo a Zanica.
    Nessuna autodenuncia e va bene il motto dantesco di Mario “non ti curar di loro ma guarda e passa”.

  3. Il Tasso
    28 ottobre 2016 at 18:34

    Volevo rassicurare Maro: non sono destabilizzato; dormo sonni tranquilli.
    Ho solo preferito togliere dall’imbarazzo gli amici della Lega (ne ho parecchi), qualora fossero incerti se pubblicare lo scoop; che poi è più uno “sgub”, alla Aldo Biscardi. Roba nota, che però diventa improvvisamente motivo di lancio di stracci e di scene madri in stile “Processo del Lunedì”.
    Però al “Processo” preferisco altro.

    P.s. “Non ti curar di loro…” E perchè non dovrei curarmene?
    Se mi curo di loro è perchè un po’ mi spiace che prendano cantonate; e perchè parto dal principio illuministico che si possa anche fare cambiare idea alle persone che sono in buona fede.

Comments are closed.