Pistaaaaa !!!

pista“Abbiamo chiesto un ripensamento in virtù della pericolosità di un attraversamento in curva e dell’inutilità di un nuovo costoso ponte sul Morla, visto che ne esiste già uno in via F.lli Cagnana; inoltre proprio la futura ciclopista di via F.lli Cagnana consentirà di collegare il centro del paese con le zone ad est.”

Così scrive “Insieme per Zanica”, dimenticando che il PGT da loro licenziato prevedeva  un tratto di pista ciclabile (vedi planimetria) che nessuno ha tolto anche se finisce nel nulla.

Valuteremo se, quando, come farla. O magari faremo quella prevista inizialmente modificandola in sede esecutiva. Del resto non esiste nessun progetto… e forse basta quella di via Cagnana, che faremo, perchè ci piace fare le cose e non fare ipotesi.

Il resto serve solo a baloccarsi sulla sabbia, come con le palline dei ciclisti.

 

 

 

3 comments for “Pistaaaaa !!!

  1. eugenio
    1 giugno 2016 at 12:50

    Aggiungerei anche tra le priorità una pista ciclabile “decente” sulla molto pericolosa strada che costeggia la discarica verso il Padergnone.
    Chi la percorre sia al mattino presto in auto sia per passeggiare o in bicicletta risulta molto ma molto pericolosa.
    Esiste almeno uno studio
    grazie come al solito per l’ospitalità.
    Eugenio

  2. Il Tasso
    13 luglio 2016 at 16:49

    La pericolosità ci è nota, così come la pericolosità di altre zone.
    Sono previste tre azioni:
    una nel 2016 con la formazione della pista ciclopedonale su via Arzuffi;
    una nel 2017 con la pista ciclopedonale sulla via Padergnone ( fino a via Divisione Sforzesca);
    una nel 2018 con la revisione della viabilità su via Comun Nuovo; operazione legata alla declassificazione della strada da Provinciale a Comunale già avviata e che speriamo di conseguire;
    Il concetto che vogliamo perseguire è quello di un sistema a raggio che partendo dal centro possa servire le parti maggiormente popolose del paese; é una operazione dolorosa che esclude quelle che lo sono meno, ma che sentiamo di perseguire con forza.
    Certo, via Crema e il Padergnone restano scoperte, ma dappertutto è impossibile arrivare, e da qualche parte, quantomeno, stiamo andando.
    Il completamento sarà poi più semplice.

  3. eugenio
    20 luglio 2016 at 12:54

    Buongiorno
    Comunque sia senza aspettare le Calende greche magari un piccolo intervento di
    - copertura delle enormi buche
    - pulizia del tombino intasato
    Davanti alla DUPOL sarebbe già un ottimo lavoro visto che ad ogni pioggia si trasforma tutto in acquitrino pericoloso per pedoni e bici
    Grazie ancora per l’ospitalità

Comments are closed.