Luca D’Angelo

Luca

Proposto come Assessore per le attività produttive e gestione amministrativa

“Non vi è nulla di più gratificante del mettersi al servizio della propria comunità, ascoltando i bisogni delle tante persone che giorno dopo giorno contribuiscono a rendere vivibile il nostro paese”.
E’ questo il principio a cui mi sono sempre ispirato e che ha guidato tutte le scelte importanti della mia vita, non ultima la decisione di presentarmi alle prossime elezioni comunali del 25 maggio.
Ho sempre creduto che sia un dovere civico irrinunciabile quello di dare il proprio apporto alla comunità in cui si vive, senza mai perdere di vista l’importanza del confronto, del dialogo, dell’ascolto e della solidarietà verso l’altro.
Da diversi anni lavoro in Confartigianato Bergamo, organizzazione sindacale che ad oggi conta più di 10.000 associati tra Bergamo e provincia, rappresentando nel comparto una delle organizzazioni di punta in tutta Italia.

Mi sono sempre occupato della gestione contrattuale e sindacale dei rapporti di lavoro dipendente per le nostre imprese associate, lavoro che mi ha portato a vivere quotidianamente in stretto contatto con le esigenze di un mondo, quello delle piccole-medie imprese, fatto di orgoglio, passione, sacrificio e tradizione.

Un mondo tuttavia oggi più che mai poco considerato rispetto al ruolo determinante che ha sempre svolto e tuttora svolge nel nostro Paese.

La crisi economica degli ultimi anni ha fatto emergere il bisogno di restituire quella centralità fondamentale che le piccole-medie imprese devono avere, bisogno quest’ultimo che deve trovare una risposta concreta soprattutto da chi è chiamato a governare anche a livello locale, perché è nelle scelte di indirizzo politico che dobbiamo e possiamo dare una visione di Paese rinnovata, fatta di semplificazione delle procedure e abbattimento, per quanto possibile, della pressione fiscale.
Questo è il mio obiettivo; il nostro Comune deve saper parlare il linguaggio delle imprese e del lavoro.