Sara Pecis

SaraCon due bambine piccole mi sono ritrovata quotidianamente a confrontarmi con tutte le problematiche assistenziali, scolastiche e ricreative legate a questa fascia di età.

Siccome sono profondamente convinta che ogni critica debba essere costruttiva e non fine a sé stessa, mi piacerebbe portare il mio punto di vista di mamma-utente in Consiglio in modo insieme potessimo focalizzarci anche sui piccoli ma numerosi disagi legati alla fornitura di servizi spesso insufficienti o quantomeno inadeguati.

Mi riferisco ad esempio alla carenza strutturale e numerica delle area gioco a disposizione, alla mancata cura di alcuni parchi pubblici che potrebbero avere delle grande potenzialità (ad esempio il parchetto a fianco del ex palazzo del ghiaccio), alla difficoltà di muoversi in Zanica con un passeggino e un bambino che cammina a fianco a noi, facendo una gimkana continua tra marciapiedi troppo stretti e auto parcheggiate ovunque. Ma mi riferisco anche allo scarso numero di attività culturali pensate per i più piccoli, alla mancanza di servizi di supporto alle famiglie durante i periodi delle vacanze scolastiche o nel post-scuola.

Credo che queste “insofferenze” siano simili a quelle percepite da molte famiglie, soprattutto nel caso in cui entrambi i genitori siano fuori casa per lavoro. Ecco perché vorrei tanta attenzione anche per noi e i nostri figli.